Storia - Rinaldo Donzelli
40896
page-template-default,page,page-id-40896,ajax_fade,page_not_loaded,,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-2.4,smooth_scroll,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive

Rinaldo Donzelli | STORIA

Rinaldo Donzelli: Il Design Made in Italy

Rinaldo Donzelli nasce a Mariano Comense in Provincia di Como.
Fin da piccolo manifesta un precoce talento per il disegno e la pittura.
Avviato alla professione di falegname in una delle numerose botteghe del paese, diventa ben presto intagliatore per l’abilità che dimostra.
La pittura rimane tuttavia la sua vera passione, un mezzo per indagare la realtà in tutte le sue forme e riproporne di volta in volta aspetti diversi. Prenderanno così forma suggestivi paesaggi, disegni a pastello con episodi di vita quotidiana e ritratti che incontrano il favore del pubblico e dei committenti per lo stile incisivo e per la sorprendente attinenza al vero.
Nel 1943, durante il servizio militare, conosce Bruno Munari con cui stringe un’amicizia profonda che si concretizzerà poi in una fruttuosa collaborazione che durerà tutta la vita. Poco dopo la fine della guerra, Donzelli apre il suo primo studio di pubblicità a Milano in Via Cesare Correnti e nel 1946, quasi due anni più tardi, approda a Palazzo dell’Arte (l’attuale Triennale) dove collabora alle prime mostre settoriali della R.I.M.A. in qualità di Art Director.
Nel 1947 è infatti tra i curatori della ‘I° Mostra della Carrozzeria Italiana’, prima esposizione esclusivamente dedicata all’industria automobilistica e motociclistica italiana, che contribuirà a lanciare le imprese del settore a livello internazionale.
Il settore motociclistico gli permetterà di esprimere al meglio il suo estro creativo, dando un ulteriore impulso alla sua carriera di grafico e designer.

Nel 1956 è tra i soci fondatori dell’ADI (Associazione per il Disegno Industriale) e dal 1950 al 1964 collabora con la Gilera come consulente per il disegno industriale, curandone gli allestimenti fieristici ed i negozi in Italia e all’estero, oltre a creare l’immagine coordinata dell’azienda. Con gli stessi incarichi lavora per la Moto Guzzi dal 1965 al 1972, per la Bianchi e per la Carnielli, casa produttrice di biciclette di Vittorio Veneto. Per quest’ultima nel 1964 Donzelli disegna Graziella, la celebre bicicletta pieghevole lanciata all’epoca come la Rolls Royce di Brigitte Bardot e che è oggi annoverata tra gli oggetti culto del designer italiano. Parallelamente a queste collaborazioni, Donzelli mantiene costanti rapporti con le aziende della Brianza, per le quali disegna diversi marchi, molti dei quali ancora in uso. La profonda stima e ammirazione per il lavoro artigianale altamente qualificato – retaggio delle sue esperienze giovanili come intagliatore – lo portano ad ideare e promuovere la Biennale dello Standard nell’Arredamento di Mariano Comense, che curerà dal 1957 fino alla sua morte. Dal 1972 in poi si dedica, oltre alla pittura, suo primo amore, alla scultura e ad un’importante ricerca sulla morfologia e meccanica articolare del corpo umano. Sono di questi anni due importanti pubblicazioni: ‘Disegnare una persona’ (1972) edito da Zanichelli nella collana ‘Disegnare, Colorare, Costruire’ diretta da Bruno Munari e ‘Guida ai Lavori in Legno’ (1978) di Mondadori. Con il figlio Paolo, ingegnere, progetta e realizza diverse ‘Meridiane Solari’ perfettamente funzionanti.

Rinaldo Donzelli | Gallery

©ElenaDonzelli – riproduzione vietata se non autorizzata – all rights reserved